a Rrobe

Questa intervista è stata gentilmente inviata da Roberto "tsam"


1)Ciao Roberto..iniziamo con una domanda a bruciapelo..John Doe..quando nasce?

Ufficialmente, un anno prima del suo esordio in edicola, su spinta dell'Eura editoriale. La casa editrice ci aveva chiesto di sviluppare un personaggio per un nuovo mensile monografico e io e Lorenzo ci siamo messi al lavoro. Ufficiosamente... qualche anno prima, nascosto tra le pagine di alcuni liberi scritti da me e Lorenzo (storie che, grazie ai numeri zero, stiamo ripresentando tutte).


2)Da più parti ho potuto leggere che John Doe non avrà una scadenza fissa ( cioè un numero determinato di albi) ma che presto il mondo che abbiamo imparato a conoscere verrà sconvolto..fino a che punto tu e Lorenzo avete in mente la "continuity"?(e puoi anticiparci qualcosa??;)..)

Siamo arrivati a scrivere il 24. Da quel momento in poi, tutto sarà diverso e con un punto di vista del tutto nuovo. In linea di massima, sappiamo anche dove andare a parare fino al numero 50... ma è prematuro parlarne.


3)Nel corso dei vari albi vi alternate alla sceneggiatura tu e Lorenzo; sono previsti in futuro gli interventi di altri "scrittori" o sarete sempre voi due a occuparvi della vostra creatura?

Per il momento no. La storia si sviluppa in maniera molto organica e ogni numero rappresenta un tassello che, anche se apparentemente slegato, presto o tardi verrà ripreso. L'inserimento di un altro sceneggiatore sarebbe difficile proprio perchè sarebbe dura riuscire a inserirlo in questo meccanismo.


4)Sono frequenti riferimenti a cinema,letteratura e musica..;per la stesura di ogni albo fai riferimento esclusivamente al tuo bagaglio culturale o fai delle ricerche ad Hoc?

Dipende. Il mio bagaglio culturale pop è estremamente vasto, nel senso che sono un divoratore di cinema, romanzi e fumetti... ma se una storia necessita ricerche specifiche su un preciso periodo storico o su una specifica tematica... mi lancio in approfondimenti. Il bello è che, alla fine di ogni lavoro, s'impara sempre qualcosa di nuovo.

5)John Doe ha il pregio di poter avere tra le sue firme per le copertine il (per me) grandissimo Carnevale..lo vedremo presto all'opera su qualche albo?

Dovreste vedere un albo interamente disegnato da lui questa estate. Sarà il primo speciale di John Doe.

6)Come reputi il momento attuale del fumetto italiano?

Non negativo come lo dipingono alcuni. Si stanno muovendo molte cose, alcune sono gia uscite, altre usciranno.
Sono ottimista e ho l'impressione che, per quanto il mercato si sia ridotto (o forse, abbia solamente trovato dimensioni più realistiche e naturali), ci sia una leggere e benefica brezza di vento.
Ovviamente parlo delle edicole. Le librerie specializzate sono in un momento ristagnante... indecise se fare il grande passo e abbandonare definitivamente il settore del fumetto popolare ed economico in favore di volumi di nicchia dall'alto costo, oppure continuare a barcamenarsi tra l'uno e l'altro.

6bis)Il mondo è (come logico che sia) in continua evoluzione e il fumetto in quanto tale forse sta perdendo terreno come forma di comunicazione a discapito di forme più "interattive";pensi che in futuro assisteremo una vera e propria scomparsa della carta stampata oppure "la carta inchiostrata"manterrà sempre il suo fascino?(intendo questo soprattutto per quanto riguarda il fumetto..)

Per me il fumetto è carta ed inchiostro. Sia nella sua realizzazione, sia nella sua fruizione. Magari farò la figura di quello che disse che la televisione non avrebbe mai sfondato... ma a mio modo di vedere, il fumetto rimarrà sempre quello che è.

7)Per il futuro hai qualche altro progetto in cantiere(con il quale allietarci...:)..)?

Molti. Oltre al costante impegno su JD ho molte miniserie pronte per LancioStory e Skorpio, in particolare una maxy serie (composta da tre mini archi narrativi indipendenti ma in continuity), ambientata in un universo parallelo in cui i vampiri sono stati socialmente accettati e vivono tra di noi, e una serie d'ambientazione storica, tutta incentrata sulla figura di un bandito nell'Italia degli anni '50. Poi le storie libere e altre cose ancora di cui è veramente troppo presto per parlare.

Home - Voci di Corridoio - Personaggi -  SerieDiario Sean Cardona - Autori  - Credits - Links - Downloads - Disclaimer
 Copertine - Galleria  Colore Galleria b/n - Galleria Inediti - Galleria Varie - Galleria Tavole Originali

John Doe Encyclopedia Tutti i contenuti sono ©  EURA EDITORIALE e degli Autori